Coti Chiavari: i profumi dei boschi della Corsica

coti chiaveri -studiogabriotomelleri

Coti Chiavari è un piccolo paesino del primo entroterra della Corsica situato tra Propriano e Ajaccio.

Il nome del paese è dovuto al fatto che  Coti Chiavari venne colonizzato nel 1714 da coloni liguri provenienti da Prato Sopralacroce nell’entroterra di Chiavari, nella Riviera di Levante. Ad oggi il dialetto genovese è scomparso ma anticamente questa è la lingua che qui si parlava.

Il villaggio è fatto di belle case in pietra e gode di una bella posizione sul golfo di Ajaccio, ma la vera bellezza di questo luogo risiede nella foresta demaniale in cui è immerso.

Un ricco bosco mediterraneo composto da lecci e da un  profumatissimo sottobosco che odora di liquirizia, mirto, timo. Profumi questi che vi accompagneranno in tutto il vostro viaggio in Corsica, ma che qui sono particolarmente intensi.

coti chiavari -studiogabriotomelleri-5

Il paese di Coti Chiavari merita una veloce sosta, ed è un pretesto per attraversare con una splendida strada questo bosco demaniale.

Dopo aver visitato la bella chiesa con il giardino che le gira attorno e che affaccia sul mare, e la Torre Bastarda di pietra ben restaurata, è ora di riprendere la macchina e continuare la strada che porta verso la costa.

Scendendo  il bosco mediterraneo lascia spazio a centinaia di piante di eucalipto e qui scopriamo che questi alberi sono stati piantati dai carcerati che erano prigionieri in un penitenziario di cui rimangono alcuni resti.

Gli eucalipti infatti, venne introdotta alla fine dell’800 in molte aree malariche del mediterraneo per la loro proprietà antisettiche delle foglie che tengono lontane le zanzare.

Ulteriori informazioni su località, alberghi e ristoranti provati da noi in Corsica, le potete trovare in questa sezione del nostro sito interamente dedicata a questa bellissima isola, compreso un itinerario completo di 8 giorni per scoprire le sue mille sfaccettature.

Coti Chiavari: i profumi dei boschi della Corsica ultima modifica: 2015-11-20T20:11:51+00:00 da patrizia

«

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *