Sicilia Occidentale: un itinerario in 9 tappe.

sicilia-studiogabriotomelleri-8

Dopo il nostro itinerario alla scoperta della Sicilia Orientale che potete trovare qui, è il momento di proporvi un itinerario un po’ meno classico per andare alla scoperta della Sicilia Occidentale, una terra incredibilmente affascinante ricca di storia e natura eccezionali.

Il nostro itinerario on the road parte e si conclude nella città di Trapani.

Per raggiungere Trapani con il vostro mezzo ci sono varie possibilità: si può percorrere tutta l’autostrada fino a alla punta estrema della Calabria a Villa San Giovanni, e da qui prendere il traghetto per Messina e poi continuare sull’autostrada che percorre la costa settentrionale dell’isola, oppure si può raggiungere Napoli e dal porto di Napoli Beverello lì prendere un comodissimo traghetto che arriva proprio a Trapani, oppure ci sono molteplici possibilità di traghetti che arrivano a Palermo partendo da molte città italiane tra cui Livorno, Civitavecchia e Genova, la scelta ovviamente molto dipenderà dal vostro punto di partenza.

In ogni caso comunque conviene di gran lunga prenotare online i traghetti per la Sicilia in modo da non avere problemi sia di capienza sia di lunghe code che potrebbero crearsi soprattutto in certi periodi dell’anno, senza escludere poi che, premunendosi per tempo, c’è la possibilità di strappare una tariffa magari più vantaggiosa.

[se siete interessati ad un itinerario che esplori l’intera isola della Sicilia, vi suggeriamo questo post]

Itinerario in Sicilia Occidentale

Una volta arrivati a Trapani siamo pronti per iniziare il nostro itinerario alla scoperta della Sicilia Occidentale, la cui prima tappa è proprio la bella città circondata dal mare.

Trapanisicilia occidentale trapani-studiogabriotomelleri-14

Trapani infatti ha una particolare forma a triangolo, che culmina alla suggestiva torre di Ligny, che rende la città antica una striscia di terra circondata dal mare. L’elegante centro storico che si dipana lungo Corso Vittorio Emanuele è un susseguirsi di eleganti palazzi e belle facciate di chiese, ma è interessante perdersi anche per le strade che conducono al porto, dove un meraviglioso mercato vi darà spunto per acquisti gastronomici molto interessanti.

Erice

La tappa successiva a Trapani è la famosissima Erice a cui volendo si può giungere anche con una funivia da Trapani stessa. Erice è uno dei luoghi più turistici in assoluto di questa zona della Sicilia ma questo non deve scoraggiarvi dal visitarla in quanto si tratta di un vero gioiellino. Un villaggio medioevale intatto, superbamente conservato e preservato di cui la splendida chiesa Matrice è la parte più rappresentativa. Oltre al bellissimo borgo, quello che vi resterà in mente di Erice sono gli stupendi panorami sulla costa che spaziano dalle saline di Trapani a San Vito Lo Capo.

San Vito Lo capo e dintorni

sicilia-studiogabriotomelleri-16

San Vito Lo Capo è il centro principale di una zona paesaggisticamente meravigliosa, con un mare stupendo e delle ampie zone incontaminate. da non perdere a Scurati il minuscolo borgo rurale diventato un museo a cielo aperto della Grotta Mangiapane.

sicilia-studiogabriotomelleri-15La riserva naturale di Monte Cofano dove vale la pena fare il facile sentiero che gira intorno al promontorio affacciato sul mare. La meravigliosa spiaggia del Bue Marino, la Tonnara del Secco di san Vito Lo Capo, la riserva delle Zingaro ( in cui fate attenzione in quanto non ne è permessa la visita con cani al seguito) e in ultimo le meravigliose spiagge di Scopello con le sue numerosissime piccole baie, all’altra estremità della Riserva dello Zingaro.

Area archeologica di Segesta

sicilia-studiogabriotomelleri-9

Segesta è inspiegabilmente poco conosciuta quando in realtà si tratta di un’area archeologica di grandissimo interesse. La vastissima area, che si trova in mezzo alle alture del monte Barbaro, comprende tra le parti più spettacoli, un grande teatro e un meraviglioso tempio pressoché intatto: una vista emozionante che non dimenticherete facilmente

Gibellina vecchia e nuova

Non stiamo parlando di un paese con un suo centro storico e una zona più moderna della città: Gibellina Vecchia e Gibellina Nuova distano tra loro 18 chilometri, di strada non facile tra l’altro e sono due luoghi che “nascono” da una circostanza tragica. Un terribile terremoto del 1968 che distrusse completamente il borgo medioevale. Al suo posto adesso si trova una monumentale opera di land art del grande Alberto Burri.

sicilia-studiogabriotomelleri-10

Vale la pena percorrere i 18 chilometri di strada tortuosa per raggiungere Gibellina Vecchia ed ammirare questa opera davvero toccante. Gibellina nuova invece è nata, sempre in seguito al terremoto, dal nulla, con un progetto a cui hanno collaborato architetti e artisti di tutta Europa. Il risultato è un insieme straniante che comunque vale la pena di essere visto per l’assoluta unicità del progetto che gli ha dato vita.

sicilia-studiogabriotomelleri-11

Selinunte

Ancora una zona archeologica, altrettanto speciale ma dal contesto completamente differente: Qui siamo sul mare, immersi nella macchia mediterranea e la visita al complesso archeologico è emozione pura.

Mazara del Vallo

sicilia-studiogabriotomelleri-4

Uno dei porti pescherecci più importanti d’Italia e casa dei famosissimi gamberi rossi di Mazara, questa cittadina ti stupisce per l’eleganza del suo centro storico che non si è lasciato intaccare dall’industrializzazione dovuta al grande traffico peschereccio.

Da fare una visita anche al piccolo mercato del pesce al dettaglio che si trova lungo il Porto Canale, zona molto caratteristica della città.

Marsala

sicilia-studiogabriotomelleri-5

Celebre per il vino dolce che vi si produce, Marsala è anche il cuore delle origini fenicie della Sicilia, nel museo di Baglio Anselmi infatti è custodito il relitto di una nave punica, unico al mondo. Marsala infatti sorge sulle rovine delle antiche città puniche di Lilibeo e di Mozia, situata all’interno della Riserva Naturale Regionale delle Isole dello Stagnone di Marsala

Le Saline

sicilia-studiogabriotomelleri-8

La strada che conduce da Marsala a Trapani , quella minore che costeggia la costa, è una delle strade più belle di tutta l’isola. Il paesaggio è stato creato nei secoli dalle antichissime saline che con le loro vasche, i canali, le pile di salgemma e i mulini a vento hanno dato vita ad un orizzonte davvero unico.

Molti tratti di questa costa sono diventati riserva naturale, motivo per cui il modo migliore per esplorarle è compiervi delle lunghe passeggiate. Tra le più belle a nostro parere le antiche saline romane che si trovano appena fuori Marsala.

sicilia-studiogabriotomelleri-6

GOUNELLE (5)

Sicilia Occidentale: un itinerario in 9 tappe. ultima modifica: 2017-03-14T11:18:18+00:00 da patrizia

«

1 Comment

  1. uno splendido itinerario di una Sicilia sempre fascinosa e meravigliosa.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *