Visitare la Sainte Chapelle di Parigi.

sainte chapelle

parigi grand chappelle-studiotomelleri-7

La Sainte Chapelle è uno dei monumenti più visitati di Parigi, patrimonio UNESCO e una delle massime espressioni di architettura gotica esistente.

Ci troviamo nell’Ile de la Cité, il cuore di Parigi, a pochi passi da Notre Dame, insieme alla Conciergerie, la Sainte Chapelle era parte del Palais de la Cité, residenza dei sovrani di Francia dal X al XIV secolo, che si estendeva sul luogo in cui è attualmente sito il Palazzo di giustizia.

parigi grand chappelle-studiotomelleri-3

La Sainte Chapelle è stata concepita come un vasto reliquiario quasi interamente vetrato, che si distingue per l’eleganza e l’arditezza della propria architettura, che si manifesta attraverso una notevole altezza e la soppressione quasi totale della muratura al livello delle finestre della cappella superiore.

Proprio le vetrate sono infatti l’aspetto più ammirato di questa impressionante costruzione gotica

Le vetrate della navata e dell’abside, in totale quindici, risalgono al XIII secolo, e ad oggi si stima che una larghissima percentuale dei materiali utilizzati per la loro realizzazione (tra il 65 e il 75%) sia originale. Esse seguono un preciso programma iconografico incentrato sulle storie dell’Antico Testamento: il ciclo[8] inizia a partire dalla prima campata della navata, con la vetrata settentrionale (parete destra), che tratta del Libro della Genesi; seguono il Libro dell’Esodo (seconda vetrata), il Libro dei Numeri (terza vetrata), il Libro di Giosuè (quarta vetrata), il Libro dei Giudici e il Libro di Isaia (quinta vetrata); il ciclo si interrompe in corrispondenza delle quattro vetrate centrali dell’abside, con Vita di San Giovanni Evangelista (sesta vetrata) e Infanzia di Gesù (settima vetrata), Passione di Gesù (vetrata centrale) e Vita di San Giovanni Battista (settima vetrata di sinistra); il ciclo continua lungo il fianco sinistro con il Libro di Daniele (sesta vetrata); Libro di Ezechiele (quinta vetrata), il Libro di Geremia e il Libro di Tobia (quarta vetrata), il Libro di Giuditta e il Libro di Giobbe (terza vetrata), il Libro di Ester (seconda vetrata), i Libri dei Re (seconda vetrata), per terminare con la Storia delle reliquie della Passione (prima vetrata). La vetrata del rosone risale agli anni novanta del XV secolo e raffigura scene dall’Apocalisse. ( fonte wikipedia )

parigi grand chappelle-studiotomelleri-10

Come visitare la Sainte Chapelle

E’ aperta tutti i giorni dal 1 Marzo al 31 Ottobre dalle 9.30 alle 18 e dal 1 Novembre al 28 Febbraio dalle 9 alle 17. Dal 15 Marzo al 15 settembre è aperta anche il mercoledì sera fino alle 21
Chiuso il 1 Gennaio, 1 Maggio e 25 Dicembre.

Anche in questo caso per i biglietti di ingresso consiglio di acquistare, già prima di partire, il Paris Museum Pass ( che a questo link potrete acquistare con un piccolo sconticino), un biglietto comulativo che vi permetterà di entrare alla Sainte Chapelle, al Louvre e a praticamente tutti i musei e monumenti di Parigi con un risparmio enorme!

La visita della Sainte Chapelle inizia con la cappella inferiore le cui volte alte 7 metri caratterizzate da un cielo blu cosparso di stelle dorate poco lascia presagire ciò che si trova al piano superiore.

parigi grand chappelle-studiotomelleri-11

Salendo al piano superiore le proporzioni raddoppiano con le volte di 15 metri che sembrano autosorreggersi. L’enorme quantità di vetrate infatti , e le decorazioni delle colonnine che le inframezzano, danno l’illusione che la cappella superiore sia interamente fatta di vetro.

La Sainte Chapelle attira un grandissimo numero di visitatori ogni anno, motivo per cui vi consigliamo di scegliere orari “insoliti” per la visita altrimenti potreste rischiare di fare delle lunghe code per accedere, seppur muniti già del biglietto.

parigi grand chappelle-studiotomelleri-sainte chapelle

Piccola curiosità: durante le guerre mondiali tutte le vetrate vennero rimosse e messe al riparo da possibili bombardamenti.

Visitare la Sainte Chapelle di Parigi. ultima modifica: 2015-12-04T19:11:25+00:00 da patrizia

«

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *