La Conciergerie nella storia della Francia Moderna

conciergery-5

conciergerie

La Conciergerie è tra i posti più strani di Parigi.

Annoverato tra i sito patrimonio dell’UNESCO, e monumento del Centre Des Monuments Nationaux , è un luogo che quando lo visiti ti lascia stranito, e che riesci poco a comprendere se non ripercorrendo a grandi o linee la sua storia, intimamente connessa alla storia della Francia, e alla nascita della Francia moderna.

La Concergierie si trova nell’Ile de la Cité di Parigi, quell’isola della Senna che delimita il cuor cuore della città, quello stesso posto in cui si trova Notre Dame e in cui si trovava il palazzo reale di cui la Concergierie e la vicina Sainte Chapelle facevano parte.

 

La sua “Grande Salle” era una delle più grandi in Europa, e veniva utilizzata come sala da pranzo per i 2.000 membri dello staff che lavoravano nel palazzo. Veniva riscaldata con quattro grandi camini e illuminata da molte finestre che vennero successivamente chiuse. Saltuariamente veniva utilizzata anche per banchetti reali e talvolta per procedimenti giudiziari.

Nel 1358 Carlo V trasferì la residenza reale al di là della Senna e il palazzo prese funzioni amministrative, tanto che, in assenza del re, veniva nominato un “concierge” che deteneva il comando del palazzo. Questa carica divenne importantissima tanto da poter essere considerato  quasi un sostituto del re.

Per questo motivo, quando nel 1391 parte dell’edificio fu  convertita a prigione, prese il nome di Conciergerie.

conciergerie

Nel periodo della Rivoluzione Francese la Conciergerie divenne tristemente nota come l’ anticamera della Ghigliottina: è qui infatti che venivano rinchiusi i nemici della Rivoluzione.

Al piano di sopra, dove ancora oggi sorge il Palazzo di Giustizia , negli anni del Terrore venne trasferito il Tribunale Rivoluzionario, dove tra il 2 aprile 1793 e il 31 maggio 1795 vennero condannati alla Ghigliottina circa 2600 persone

I prigionieri legati venivano portati alla Cour du Mai, il piazzale antistante il Palazzo di Giustizia: qui c’era ad attenderli una carretta che li avrebbe condotti al luogo dell’esecuzione.

Mentre attendevano la sentenza, che era o assoluzione o condanna a morte, i prigionieri aspettavano nella Sala dei Passi Perduti. Una volta condannati venivano condotti nella Sala della Toilette dove venivano tagliati loro barba e capelli.

I moltissimi i nomi che trascorsero le loro ultime ora tra queste mura sono oggi scritti sulle pareti di una delle celle. Tra i tanti Corday, Danton, Madame Elisabeth , Robespierre, Madame du Barry e  Maria Antonietta.

La ormai ex-Regina venne condotta alla Conciergerie nella notte tra il 2 e il 3 agosto 1793, dopo una registrazione sbrigativa presso l’ingresso del carcere venne condotta nella sua cella.

Durante i 76 giorni che trascorse alla Conciergerie Maria Antonietta occupò due celle diverse.

La prima cella dove Maria Antonietta alloggiò dal 2 agosto al 13 settembre 1793 sorgeva nella “Sala del consiglio” : era una stanza piccola ed umida che si affacciava sulla Cour des Femmes, dove le detenute potevano trascorrere del tempo all’aria aperta e lavare i propri abiti ma dove a Maria Antonietta non fu mai concesso di andare. Dopo un tentativo di evasione Maria Antonietta venne trasferita in una seconda cella.

La nuova cella si trovava alla fine del corridoio dei prigionieri, nel locale che un tempo era utilizzato come magazzino per la farmacia. Era grande tre metri per due, vi si accedeva per una doppia porta davanti alla quale stavano sempre due ufficiali. Fu Luigi XVIII a far erigere una Cappella Commemorativa proprio nel punto dove sorgeva la cella originaria della Regina mentre nella stanza a fianco è stata ricreata la cella della sovrana così come doveva apparire ai tempi della Rivoluzione.

Processata sommariamente e giudicata colpevole di alto tradimento dal tribunale rivoluzionario, seppur senza prove tangibili, morì con dignità sulla ghigliottina e la sua morte segnò la reale fine dell’ancien régime.

Ho iniziato dicendo che questo è uno dei posti più strani di Parigi. Il motivo è che camminando sotto le splendide volte gotiche della Congergierie non avrete molto idea del perché lo stiate facendo, del perché questo gran vuoto davanti ai vostri occhi , perché visitare una meravigliosa enorme stanza vuota , spoglia, tetra. Poi conoscendone la storia e percorrendone il suo Cour de Femmes, la sua sala di toilette e tutti gli altri luoghi rivivrete un pezzo tragico ma importantissimo della storia di Francia, intimamente legato anche a quel 14 Luglio festa nazionale.

conciergerie

La Conciergerie nella storia della Francia Moderna ultima modifica: 2014-07-14T12:09:31+00:00 da patrizia

«

1 Comment

  1. Pingback: Visitare la Sainte Chapelle di Parigi. -

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *